“Quando arriva la conoscenza, arriva anche la memoria” Gustav Meyrink

Il 27 Gennaio del 1945 le truppe dell’Armata Rossa, durante la loro avanzata verso Berlino, arrivano nella cittadina polacca di Oswiecim (meglio conosciuta come Auschwitz) e si trovano di fronte al suo tristemente famoso campo di sterminio. Liberano i pochi superstiti e rivelano al mondo l’orrore del genocidio nazista. Il 27 gennaio , viene celebrata la  Giornata della Memoria, ricorrenza istituita nel 2000 dal Parlamento Italiano per commemorare le vittime del nazismo e dell’Olocausto.

Un giorno per ricordare non soltanto la persecuzione e lo sterminio dei cittadini ebrei, ma anche tutti coloro che, su fronti e schieramenti opposti, si sono opposti a questa tragedia, salvando altre vite e mettendo a rischio la propria.

le leggi razziali del 1938 varate dal regime fascista.